valutazione e sviluppo HR

C'è molta consapevolezza sul fatto che sia la qualità delle persone a fare la differenza. Non sempre questa consapevolezza  si traduce con coerenza in policy pianificate di gestione delle risorse umane, e in metodologie e strumenti fra loro integrati di valutazione, gestione e sviluppo.

Sulla valutazione gli strumenti basilari restano quelli del Modello delle 3P - posizioni, prestazioni,potenziale - aggiornati, rispetto alla loro concezione originaria, in funzione delle evoluzioni del contesto e della mission aziendale.
Un ulteriore strumento è la valutazione delle competenze, funzionale sia sul piano strategico, nel caso di cambiamenti culturali o di rafforzamento delle core competence, che sul piano gestionale, nel caso dei profili di selezione, dei bisogni formativi, degli interventi di mobilità, di sviluppo e per la valutazione della performance individuale.

Su tale impianto è possibile attivare una gestione del capitale umano, attraverso un processo integrato che considera diverse componenti, quali le liste di promuovibilità, la pianificazione delle carriere, le regole delle carriere (tempi, priorità, corsie preferenziali, esperienze internazionali), il sistema di rewarding (retribuzione fissa, variabile, benefit).

Per colmare il gap fra le risorse attuali e quelle richieste in futuro in termini sia qualitativi che quantitativi, è necessario agire sullo sviluppo delle persone, con interventi individuali e collettivi quali la formazione, i laboratori di autosviluppo, il coaching, il counselling, la mobilità professionale, la job rotation, l'attribuzione di deleghe, responsabilità e incarichi, e il training on the job. L'efficacia e la velocità degli interventi di sviluppo possono essere accelerate, e ne deriva l'importanza di concentrarsi su di una gestione della talentuosità attraverso approcci differenziati e mirati per tipologie di popolazioni, quali gli High Potential, i Low Performer, i giovani neo-assunti, i part time, il top, i senior...

L'adozione di policy delle risorse umane è condizione necessaria ma non sufficiente per la valorizzazione del Capitale Umano, la quale deve essere originata da un'efficace partnership tra le linee e l'HR, che consenta al business di riconoscere il valore aggiunto che la Direzione del Personale riesce a conferire alla competitività.

Integratori energizzanti
Engagement analysis
La gestione delle differenze generazionali
Quella creatività sovversiva e destabilizzante che favorisce l’innovazione
Dare organicità alle iniziative per gli "aged worker"
Il governo della digital transformation. Il caso di un ente previdenziale
Politiche aziendali per gli aged worker: vecchi problemi e nuove esigenze
Aged workforce: una “via mediterranea” per le politiche HR
La relazione tra età e prestazione. Fuori dai luoghi comuni
Lo sviluppo non lineare sulle skill complementari delle persone
Le rigidità flessibili dell'HRM giapponese
Pay for position, pay for value
Il peso della responsabilità
Il fiuto, l’esperienza, la ragione
Le posizioni nelle politiche HR
Il bilancio delle competenze
Happy ageing. Politiche HR per favorire la coesione generazionale
Pensare differente fa bene. Interculturalità e diversity management
La gestione del sistema premiante in Eppi
Il buonismo dei capi non fa crescere i collaboratori
Se le M&A non finiscono sempre bene è perché si sottovalutano gli aspetti organizzativi “soft”
Immaginazione e coscienza
Ci sono buone ragioni per tornare sul tema della leadership manageriale
Il comitato di remunerazione in Sogin
Politiche retributive e MBO in Sogin

Site Meter