coaching e formazione manageriale

I momenti formativi in aula devo rappresentare l'avvio di percorsi di sviluppo personale e devono fondarsi sul massimo coinvolgimento di tutti partecipanti e sulla massima interazione possibile tra le diversità presenti nell'aula. Il momento d'aula deve essere un momento memorabile in cui ciascuno può trarne motivazioni e stimoli a continuare il proprio apprendimento fuori dall'aula, sul campo. La nostra esperienza conferma la possibilità di integrare momenti diversi di formazione, in aula, di azione esperenziale, di coaching individuale, di e-learning. Preferiamo modelli di azione didattica fondati sull'action learning, che si articola in momenti di
- conoscenza: familiarizzazione con i concetti chiave, i significati, le parole, delle competenze da sviluppare
- palestra: fase di allenamento sulle competenze ed i comportamenti connessi, attraverso la quale i partecipanti si mettono in gioco concretamente, prendendo "le misure" della propria efficacia, per sviluppare consapevolezza di sé e costruire il proprio piano di sviluppo
- laboratorio: fase di trasferimento e di ancoraggio degli apprendimenti alla realtà concreta del lavoro, per selezionare gli apprendimenti principali e trasferirli al proprio contesto tramite ilconfronto diretto con i colleghi e lo scambio di feedback. L'approccio formativo deve seguire una logica induttiva – esperienziale - riflessiva :
- azione-esperienza: affrontare una serie di esperienze mobilitanti, che, guidate da obiettivi individuali e collettivi, rappresentano il motore dell'apprendimento
- rielaborazione: riflettere a caldo sulle esperienze appena affrontate
- schematizzazione/razionalizzazione: rielaborare i comportamenti agiti per estrarre schemi concettuali utili come modelli di riferimento per la lettura delle realtà di lavoro e per le azioni future
- ancoraggio delle esperienze alla realtà di lavoro:riportare i contenuti della rielaborazione alla applicazione nella situazione reale del lavoro in una logica di miglioramento individuale e collettivo nell'azione di lavoro.

La trasversalità del sapere organizzativo
Lo sviluppo non lineare sulle skill complementari delle persone
Peer coaching
Anche la formazione deve essere Lean
Il fiuto, l’esperienza, la ragione
Client management per gli high level IT professional di BNP Paribas
Nuovo modello organizzativo e ruoli di direzione in Agenzia delle Entrate
Pensare differente fa bene. Interculturalità e diversity management
La gestione del sistema premiante in Eppi
Cambiamento organizzativo e governance I.T.
La forza delle parole: la comunicazione influente nella leadership
Saper valutare i collaboratori in ENI
Simulab per lo sviluppo delle competenze
Lo sviluppo organizzativo della funzione R.U. in Tirreno Power
Le competenze soft in Gas Natural
Outdoor training e formazione esperienziale
Lo sviluppo dei quadri di stabilimento in Marangoni Tread
Competenze per le carriere internazionali in Ansaldo STS
Team building per la Direzione commerciale della Boehringer Ingelheim
Rafforzare l'azione del top management in Boehringer Ingelheim
Coaching e sviluppo del modello di leadership in Unicoop Tirreno
Sviluppo delle capacità del management commerciale in Fineco
Change e team building in Sanofi Aventis
Lo sviluppo della leadership per i manager di SAS Institute
La riforma del corso superiore di polizia tributaria

Site Meter